Urarèse

Stacks Image 11150
Testo e musica di Gianluca Gennari

Testo

So mìa se darèse per turnà 'ndré
Rivìv amò 'n dopo disnàt da sul

E fa 'n bèl gir an muturì
A traèrs a teré

Che bèl al vènt an sö la fàcia
E ogni tant an müsì 'n da l'òcc a guastà la festa

L'udùr dal fée 'n dà le nasèle
al m'à fàa stà bé

Ma piasìa da macc girà 'n campàgna
pasà an mèss an quài buschètt

'N rìa al fiöm nà pasegiàda
Pedalà da banda ai fòss

Mé, ’n dj teré gh'à o amò anche adès
Ma sènte pö al stès saùr
So mia se so mé, se l'è pròpe mé la cùlpa
Forse lè stàcc al tèmp
O j'àgn che i m'è saltàcc adòs
L'è pròpe tanta l'amarèsa per cumè l'è nàcc a finì 'l mund
A saì che l'è per l'òm che mor le piante
Che 'n da l'acqua jè sparìcc quasi töcc i pèss
Al vistìt da spùse da la natüra al gh'à nà cùa da plastica che finés pö
Chisà se chèl che idìe prima al riedaró amò an dé?

E pensà che credìe da èss fürtünàt
Stà 'n campagna an dà la natüra

Ma sa ricòrde i spàse, jéra püsé grancc
Adès jè sèmpre püsé strècc

Magari l'éra bèa ansé ùncc apò prima al mund
Forse l'è perchè adès al so e prima al sére mìa

La sarà pròpe chèla ròba ché
Ma l'fàto l'è che la mà fà stà màl

Mé, ’n dj teré gh'à o amò anche adès
Ma sènte pö al stès saùr
So mia se so mé, se l'è pròpe mé la cùlpa
Forse l'è stàcc al tèmp
O j'agn che j m'è saltàcc adòs
L'è pròpe tanta l'amarèsa per cumè l'è nàcc a finì 'l mund
A saì che l'è per l'òm che mor le piante
Che 'n da l'acqua gh'è sparìcc quasi töcc i pèss
Al vistìt da spùse da la natüra al gh'à nà cùa da plastica che finés pö,
Chisà se chèl che idìe prima al riedaró amò an dé?

Chisà se chèl che idìe prima al riedaró amò an dé?

Ma sa dumànde e ridumànde ‘l perchè

Epür l'è an gióc ansé tanto fàcel…

Traduzione

Non so cosa darei per tornare indietro
rivivere ancora un pomeriggio di sole

e fare un bel giro in motorino
in mezzo ai campi

Che bello il vento sulla faccia
e un moscerino nell’occhio a guastar la festa

L’odore del fieno nelle narici
mi faceva stare bene

Mi piaceva da matti girare in campagna
passare in mezzo a qualche boschetto

in riva al fiume una passeggiata
pedalare da parte ai fossi

Io, nei campi ci vado ancora anche adesso
ma non sento più lo stesso sapore
non so se sono io, se è proprio mia la colpa
forse è stato il tempo o gli anni che mi sono saltati addosso
è proprio tanta l’amarezza per come è andato a finire il mondo
a sapere che è per l’uomo che muoiono le piante
che nell’acqua sono spariti quasi tutti i pesci;
il vestito da sposa della natura ha una coda di plastica che non finisce più
Chissà se quello che vedevo prima lo rivedrò ancora, un giorno

e pensare che credevo di essere fortunato
stare in campagna nella natura

mi ricordo gli spazi erano più grandi
adesso sono sempre più stretti

Magari era già così sporco, anche prima, il mondo
forse è perché adesso lo so e prima non lo sapevo

sarà proprio questa cosa
ma il fatto è che mi fa star male

Io, nei campi ci vado ancora anche adesso
ma non sento più lo stesso sapore
non so se sono io, se è proprio mia la colpa
forse è stato il tempo o gli anni che mi sono saltati addosso
è proprio tanta l’amarezza per come è andato a finire il mondo
a sapere che è per l’uomo che muoiono le piante
che nell’acqua sono spariti quasi tutti i pesci;
il vestito da sposa della natura ha una coda di plastica che non finisce più
Chissà se quello che vedevo prima lo rivedrò ancora, un giorno
Chissà se quello che vedevo prima lo rivedrò ancora, un giorno
Mi domando e ridomando il perché
eppure è un gioco così tanto facile
Stacks Image 11156