Lé e al sò traturì

Stacks Image 11105
Testo e musica di Gianluca Gennari

Testo

La gh'à le spàle gròse quasi tàme 'n òm
La pòrta i sàchècc da melgòt sènsa mìa fa sfòrss
Fìga mìa girà le bàle perchè sü dü nò
Lé la gh'à mìa pasiènsa, chèla pròpe no

Gh'a 'nterèsa mìa la moda ma le sò àche e i sò tòr
Gh'à piàs mìa i vistìcc e 'ndòs nà sutàna e i blue jeans

Lé la stàa bé quànt l'éra an söma al sò traturì
e la gh'arès spusàt andóma an fiól d'àn cuntadì

Lé la stàa bé quànt l'éra an söma al so traturì
e la gh'arès spusàt andóma an fiól d'àn cuntadì

Vàrda té che tipo strano, lé la vór stà 'n dà per lée
e la sa mèt a so àgio quànt che lè 'n dj teré
Setàda söl scrègn a mùns lée la tóca 'l ciél
A purtà fóra al rüd da stàla al caretì j la rüsa bée

La gh'à mìa pùra a tiràga al còl an quài galìna o 'n quài nadròt
Lée la gh'à fa la pèl apò al dunèl püsé gròss

Lé la stàa bé quànt l'éra an söma al sò traturì
e la gh'arès spusàt andóma an fiól d'àn cuntadì

Lé la stàa bé quànt l'éra an söma al so traturì
e la gh'arès spusàt andóma an fiól d'àn cuntadì

Fìga mìa dì sgàrbi, lé la capés pròpe nigót
Parlìga mìa dì sòlcc perché la söta caragnà
Quànt an cumerciànt con lé ‘l gh’à pròpe da tratà
A füria da tiràga ‘l prèse lé j l’à fà dientà ’n màt

La gh’à mìa pùra a stà ’n casìna apò se l’è luntàna dal paìs
Lé bùna da fà cor an sìnguen, apò che püsé catìf

Lé la stàa bé quànt l'éra an söma al sò traturì
e la gh'arès spusàt andóma an fiól d'àn cuntadì
Lé la stàa bé quànt l'éra an söma al sò traturì
e la gh'arès spusàt andóma an fiól d'àn cuntadì

Traduzione

Ha le spalle grosse quasi come un uomo
porta i sacchetti del granturco senza fare sforzi
non fatele girare le “balle” (di fieno) perché se no
lei non ha pazienza, quella, proprio no
non le interessa la moda ma le sue mucche e i suoi tori
non le piacciono i vestiti e addosso una sottana e blue jeans

Lei stava bene quando era sopra il suo trattorino e avrebbe sposato solo il figlio di un contadino
Lei stava bene quando era sopra il suo trattorino e avrebbe sposato solo il figlio di un contadino

Guarda te che tipo strano lei vuole star da sola
e si mette a suo agio quando è nei terreni
Seduta sul seggiolino a mungere lei tocca il cielo
a portar fuori il letame dalla stalla, il carrettino lo spinge bene
non ha paura a tirare il collo a qualche gallina o a qualche anatroccolo lei fa la pelle anche al coniglio più grosso.

Lei stava bene quando era sopra il suo trattorino e avrebbe sposato solo il figlio di un contadino
Lei stava bene quando era sopra il suo trattorino e avrebbe sposato solo il figlio di un contadino

Non fatele sgarbi, lei, non capisce proprio niente
non parlatele dei soldi perché continua a piangere
quando un commerciante con lei deve proprio trattare
a furia di tirargli il prezzo lei lo fa diventare un matto
non ha pura a stare in cascina anche se è lontana dal paese
lei è capace di far correre lo zingaro anche quello più cattivo

Lei stava bene quando era sopra il suo trattorino e avrebbe sposato solo il figlio di un contadino
Lei stava bene quando era sopra il suo trattorino e avrebbe sposato solo il figlio di un contadino
Stacks Image 11174