Al tiratète

Stacks Image 11027
Testo e musica di Gianluca Gennari

Testo

Con trì bicér pié da marsala lü la giurnàda isé j la cumìncia
An biciclèta o an muturì lü’l s’ anvìa an vèrs la stàla
Le àche che j la èt rià le cumìncia pròpe töte a tremà
Al pensér da le sò tète e che da lü le gh’arès duìt fàsele tirà
Òlt vü e utànta o vü e nuànta lü l’è pròpe an bel umù
Con la sò fàcia töta bèla rósa e chèi bafù bèi lunc e nigre
Al vàrda la stala e le sò àche lü l’è bèa an pó töt ciapàt mal
Al vet mìa l’ùra da pudì ripartì per al bar
Öi tè sa ót varda mìa tant me ta dó ‘n pögn
Öi tè sa ót ta set an schirlù* rùmpèm mìa tròp......... taratitarara taratiritaratirarara
Se l’è pié al ta àrda mal se l’è nurmàl lè duls tàme ‘l miél
Se l’è cióc al canta tant se l’è nurmàl al fa fadìga a parlà
Quànt ala sera lü ‘l turna a cà la zènt la tàca töta a parlà
da lü e dàle sò cióche e da chèle che al gh’arès amò ciapàt
Con trì bicér pié da marsala lü la giurnàda j la sèra sö ‘n sé
Sö l’ös dal bar al salüda j amìs al sa mìa and ù la stà
E ogni òlta quàt al turna a cà
pròpe sèmpre al fa fadìga a stà ‘ pé La bìci o ‘l muturì sensa problemi j la tol sö al dé adré
Öi tè sa ót varda mìa tant me ta dó ‘n pögn
Öi tè sa ót ta set an schirlù rùmpèm mìa tròp......... taratitarara taratiritaratirarara
Öi tè sa ót varda mìa tant me ta dó ‘n pögn
Öi tè sa ót ta set an schirlù rùmpèm mìa tròp......... taratitarara taratiritaratirarara


*tiratette: mungitore, bergamino
*Schirlù: aggettivo, paragone dispregiativo di uno che caga male

Traduzione

Con tre bicchieri pieni di marsala lui la giornata così la comincia
In bicicletta o in motorino lui si avvia verso la stalla
Le vacche che lo vedono arrivare cominciano proprio tutte a tremare Al pensiero delle loro tette e che da lui avrebbero dovuto farsele tirare Alto uno e ottanta o uno e novanta lui è proprio un bel omone
Con la sua faccia tutta bella rossa e quei baffoni belli lunghi e neri Guarda la stalla e le sue vacche lui è già un po’ preso male
Non vede l’ora di poter ripartire per il bar
Héi, te cosa vuoi, non guardare tanto, io ti do un pugno
Héi, te cosa vuoi, sei un schirlù* Non rompermi troppo ...taratitarara taratiritaratirarara Se è pieno ti guarda male se è normale è dolce come il miele
Se è ubriaco canta tanto se è normale fa fatica a parlare
Quando alla sera lui torna a casa la gente comincia tutta a parlare
Di lui e delle sue sbronze e di tutte quelle che avrebbe ancora preso Con tre bicchieri pieni di marsala lui la giornata la chiude così Sull’uscio del bar saluta gli amici non sa dove si trova
E ogni volta quando torna a casa Proprio sempre fa fatica a stare in piedi
La bici o il motorino senza problemi se la riprende il giorno successivo Héi, te cosa vuoi, non guardare tanto, io ti do un pugno
Héi, te cosa vuoi, sei un schirlù* Non rompermitroppo ...taratitarara taratiritaratirarara
Héi, te cosa vuoi, non guardare tanto, io ti do un pugno
Héi, te cosa vuoi, sei un schirlù* Non rompermi troppo ...taratitarara taratiritaratirarara
Stacks Image 11204