San Martì

Stacks Image 11027
Testo e musica di Gianluca Gennari

Testo

L'éra pròpe bunùra, l'éra la matìna dal dé da San Martì.
Ma sa rigòrde ' frègg, piuìa fòrt bufàa gréf al vént.
Vardàe j mé fradèi, mé sére 'l pϋsé picinì.
Gh'ìom da tègn cϋràcc i sàc da farìna e melgòt.
La strada l'éra cϋrta, ma 'l càr e i caài i gh'éra mìa cèrto 'l mutùr
L'acqua che vignìa zó la finìa 'n dàle bϋse che gh' érem furmàt setàcc.
La gh'éra bagniàt al mé cϋl e chèl dj mé fradèi, sérem an dés e gh'ìom andóma 'numbrèla.

Tóca, tóca, tóca, tóca, tóca, tóca, tóca, tóca, stèm arènt.

Mé padre pensierùs, forse 'l pensàa al mercàt da j òm che,
pròpe an mìs fa, al gh'arès decidìt la nostra sòrt.
Al vurìa capì perchè al mediadùr al gh'éra dumandàt da lϋ, da la dóna, da töte le so fióle apò se lϋ al gh'éra töti fiói màscc.

Tóca, tóca, tóca, tóca, tóca, tóca, tóca, tóca.
Tóca, tóca, tóca, tóca, tóca, tóca, tóca, tóca, stèm arènt.

Traduzione

Era proprio buon'ora, era la mattina del giorno di San martino.
Mi ricordo il freddo, pioveva forte, soffiava pesantemente il vento.
Guardavo i mie fratelli, io ero il più piccolo.
Dovevamo tener curati i sacchi di farina e di granturco.
La strada era corta ma il carro e i cavalli non avevano certo il motore.
L'acqua che cadeva finiva nelle buche che avevamo formato seduti.
Aveva bagnato il mio sedere e quello dei miei fratelli, eravamo in dieci e avevamo solo un'ombrello.

Tocca, tocca, tocca, tocca, tocca, tocca, tocca, tocca, stiamo vicini.

Mio padre pensieroso, forse pensava al mercato degli uomini che,
proprio un mese prima avrebbe deciso la nostra sorte.
Voleva capire perchè il mediatore aveva chiesto di lui, la moglie, di tutte le sue figlie anche se lui aveva tutti figli maschi.

Tocca, tocca, tocca, tocca, tocca, tocca, tocca, tocca.
Tocca, tocca, tocca, tocca, tocca, tocca, tocca, tocca, stiamo vicini.
Stacks Image 11204