Pulénta e dunèl

Stacks Image 11027
Testo e musica di Gianluca Gennari

Testo

L' éra 'l sédes d'aprìl dal quarantacìnc.
An n'ària dal campanìl vàrda zó la campàgna.
Al vert dj teré l'è pϋsé vert adès che j suldàcc j tùrna an vèrs le so cà.
Du fiulì che j giugàa a córes adré.
Töti du 'n pé pèr tèra, gh'éra poc da majà.
Al fùrne nal cantù dal viculì le dóne le fàa cos al pàa.
Nà l'aria gh'éra nà gran fam.

Töcc i circàa i gacc nài curtìi e Gina 'n dal ustaréa la servìa pulénta e dunèl.
Eoeoeeie eoeoeeeie.

An tan j agnn j pasàa e pròpe tàme ògni sera j öss chj sa dervìa i sa purtàa töcc da Gina.
A fa pasà le cà, an töti j àngui dal paìs.
Gina l'éra apò chèla dal televisùr.

Töcc anpalàcc có 'l carosello 'n tivù e Gina 'n dal ustaréa la servìa pulénta e dunèl.
Eoeoeeie eoeoeeeie.

Töcc anpalàcc có 'l carosello 'n tivù e Gina 'n dal ustaréa la servìa pulénta e dunèl.
Töcc anpalàcc có 'l carosello 'n tivù e Gina 'n dal ustaréa la servìa pulénta e dunèl.
Eoeoeeie.

Traduzione

Era il 16 aprile del 1945.
In aria dal campanile guardar giù la campagna.
Il verde dei campi è più verde adesso che i soldati tornano verso le loro case.
Due bambini che gicavano a rincorrersi
entrabi a piedi nudi, c'era poco da mangiare.
Al forno nell'angolo del vicolino le donne facevano cuocere il pane.
Nell'aria c'era una gran fame.

Tutti cercavano i gatti nei cortili e Gina nell'osteria serviva polenta e coniglio.
Eoeoeeie eoeoeeeie

Intanto gli anni passavano e proprio come ogni sera gli usci che si aprivano si portavano tutti da Gina.
A far passare le case, in tutti gli angoli del paese.
Gina era anche quella del televisore.

Tutti impalati con il carosello in tv e Gina nell'osteria serviva polenta e coniglio.
Eoeoeeie eoeoeeeie.

Tutti cercavano i gatti nei cortili e Gina nell'osteria serviva polenta e coniglio.
Tutti cercavano i gatti nei cortili e Gina nell'osteria serviva polenta e coniglio.
Eoeoeeie.
Stacks Image 11204