La pianüra

Stacks Image 11027
Testo di Gianluca Gennari
Musica di Andrea Cremonesi

Testo

Gh'è j öltem gràpui da öa an söl filàr adré al fòs.
Notre j càtem, j màjem, gh'a séntem al saùr che gh'è restàt adòs.
La campàgna adès, a poc a poc, la cumìncia a cambìa töcc i so culùr.
E t'à èdet la pianϋra.......

Nài teré, chèi amò da arà; sa èt tanti spuntù;
chèl che rèsta da le gambe dal melgòt che 'nfìna qualche dé fa
le t'à blucàa la ésta a du métre da j òcc
E t'à èdet la pianϋra.......

Sarà più o meno quatr'ùre, quatre 'n quàrt dal dòpo disnàt;
Nótre bagajècc dj còmpiti gh'à nèm mìa pròpe 'mènt e
strac per le cùrse a traèrs a teré vàrdem balcà 'l sul
setàcc vϋ da la banda a l'ótre sö nà ciϋsa d'an fòs
E t'à èdet la pianϋra.......

Traduzione

Ci sono gli ultimi grappoli di uva sui filari in riva al fosso.
Noi li cogliamo, li mangiamo, sentiamo il sapore che hanno mantenuto fino a questo momento.
La campagna adesso, a poco a poco, comincia a cambiare tutti isuoi colori.
E vedi la pianura.......

Nei campi, quelli ancora da arare, si vedono tanti spuntoni.
Quel che resta delle gambe di grano turco che fino a qualche giorno fa
ti bloccavano la vista a due metri dagli occhi.
E vedi la pianura.......





Stacks Image 11204