Al mé paìs

Stacks Image 11060
Testo e musica di Gianluca Gennari

Testo

I prim filù da lüs, chèi dal sul,
j pàsa déte dai scür da nà finestra dàla mé cà.
J pòrta 'n dàla stànsa an ótre dé che 'l mà fa pensà àla giurnàda malàda che iér gh' ó pasàt an cità.

Fóra da la mé cà sa à an pó püsé a pià da chèi dì palàs,
nótre sé che sèm sèmpre su sèm adré a fa.
Töt antùrne gh'èm le muntàgne e cé òlta 'l fée,
ché 'n dóe ‘l laurà al t'à fa uncià sèmpre le mà.

So saltàt zó dal bus e so jgnìt a cà,
gh'ó tacàt a cor, sé, có 'l magù.
Mé stó bé quànt so al mé paés,
Mé stó bé quànt so al mé paés,
Mé stó bé quànt so al mé paés,
al mé paés.

Ché sèm an quàtre gacc e 'n pó crapù ma sa órem bé,
té preòcupes mìa, ché gh'è mìa da nuiàs:
Töti quànti ché j sa fa 'n quàtre a parte 'n quàlche dü,
gh'èm apò a nótre 'n quài pantelù ma, quànt sèm fóra da cà sèm con cé gh'èm a che fa.
An gìr gh'è udùr da stàla e da zènt che laùra, gh'è 'l prüföm dal sa.
Tè t'à pódet stà che an dé o t'à tùrnet pö a cà.
Sa sènt apò l'incèns a òlte quànt ché fa frècc e 'l t'à scòlda déte,
ògni tànt a 'l t'à tàca 'n pó 'n gola ma l'è mìa certo l'udùr da cità.

So saltàt zó dal bus e so jgnìt a cà,
gh'ó tacàt a cor, sé, có 'l magù.
Mé stó bé quànt so al mé paés,
Mé stó bé quànt so al mé paés,
Mé stó bé quànt so al mé paés,
al mé paés.

So saltàt zó dal bus e so jgnìt a cà,
gh'ó tacàt a cor, sé, có 'l magù.
Mé stó bé quànt so al mé paés,
Mé stó bé quànt so al mé paés,
Mé stó bé quànt so al mé paés,
al mé paés.

Traduzione

I primi fasci di luce, quelli del sole
passano e filtrano dagli scuri di una finestra della mia casa
portano nella stanza un altro giorno che mi fa pensare alla giornata “malata” (strana) che ieri ho passato in città

fuori dalla mia casa si va un po più adagio di quelli dei palazzi
noi, si, che sappiamo sempre cosa stiamo facendo
tutt’attorno abbiamo le montagne e chi volta il fieno
qui dove il lavoro ti fa sempre sporcare le mani

sono balzato giù dal bus e sono venuto a casa
ho iniziato a correre, si, col magone
io sto bene quando sono al mio paese
io sto bene quando sono al mio paese
io sto bene quando sono al mio paese
al mio paese

qui siamo in quattro gatti e un po testoni ma ci vogliamo bene
tu, non preoccuparti; qui, non c’è d’annoiarsi
Tutti quanti, qui, si fanno in quattro a parte qualcuno
abbiamo anche noi qualche poco di buono
ma quando siamo fuori di casa sappiamo sempre con chi abbiamo a che fare

In giro c’è odore di stalla, e di gente che lavora, c’è il profumo del sano
Tu, puoi stare qui un giorno o non tornare più a casa
Si sente anche l’incenso, a volte, quando qua fa freddo e ti scalda dentro
ogni tanto ti si attacca anche un po' in gola ma non è certo lo smog di città

sono balzato giù dal bus e sono venuto a casa
ho iniziato a correre, si, col magone
io sto bene quando sono al mio paese
io sto bene quando sono al mio paese
io sto bene quando sono al mio paese
al mio paese

sono balzato giù dal bus e sono venuto a casa
ho iniziato a correre, si, col magone
io sto bene quando sono al mio paese
io sto bene quando sono al mio paese
io sto bene quando sono al mio paese
al mio paese
Stacks Image 11192