Òcio che 'l bóca

Stacks Image 11090
Testo e musica di Gianluca Gennari

Testo

T'à stàet blucàt töt al tèmp,
t'à parìet an ram
puciàt déte l'acqua da l'Áda
o magari dal Sère.

Sèmpre cuerciàt con chèl capelì
con l'alèta piegàda an zó
E i Ray ban che j riparàa
j tò òcc dal sul.

Òcio al galegiànt
che gh'à sa èdes al có
e, ògni tànt vardà l'acqua che scór
a fàga cumpagnéa al tèmp.

Spès riscià da burlà zó
da 'n quài ram da samböc
per metìga an bóca ai caesài
al bucù preferìt.

Antànt l'Áda la pòrta vià l'acqua a la muntàgna per dàghela al mar

Ócio che'l bóca e pò tiràl sö
magari nà foto,
salüdàl e ridàghel al fiöm

Ócio che'l bóca e pò tiràl sö
magari nà foto,
e ridàghel al fiöm

ieh ieh ieh ieh

Apò 'l tèmp l'è nàcc
tàme l'acqua che scór
s'à pol mìa di certo che té
t'à gh’éret mìa pensàt sö bé

E adès t'à salüde
gh'à do 'n òcc apò al mé
l’è tàme urì tègn an mà al pès pusé bèl
ma al ma scàpa vià da mà

Antànt l'Áda a pià, a pià da la muntàgna l'è riàda al mar

Ócio che'l bóca e pò tiràl sö
magari nà foto,
salüdàl e ridàghel al fiöm

Ócio che'l bóca e pò tiràl sö
magari nà foto,
e ridàghel al fiöm

ieh ieh ieh ieeeeh

Ócio che'l bóca e pò tiràl sö
magari nà foto,
salüdàl e ridàghel al fiöm

Ócio che'l bóca e pò tiràl sö
magari nà foto,
e ridàghel al fiöm

ieh ieh ieh ieeeeh

Traduzione

Occhio (attento) che abbocca

Stavi bloccato (immobile) tutto il tempo
sembravi un ramo
immerso dentro l’acqua dell’Adda o magari del Serio

Sempre coperto da quel cappellino
con l’alletta piegata in giù
e i Ray ban che riparavano i tuoi occhi dal sole

Occhio al galleggiante
che si veda la cima
e ogni tanto guardare l’acqua che scorre
a far compagnia al tempo

spesso rischiare di cadere
da qualche ramo di sambuco
per mettere in bocca ai cavedani
il boccone preferito
Intanto l’Adda porta via l’acqua dalla montagna per darla al mare

Occhio che abbocca e poi tirarlo su
magari una foto, salutarlo e ridarlo al fiume

Occhio che abbocca e poi tirarlo su
magari una foto e ridarlo al fiume
ieh ieh ieh ieeeeh

Anche il tempo se n’è andato
come l’acqua che scorre
non si può dire certo che tu
non ci avevi pensato bene

E adesso ti saluto
dò un occhio anche al mio
è come voler tenere in mano il pesce più bello
ma mi sfugge dalle mani

Intanto l’Adda pian piano dalla montagna è arrivata al mare

Occhio che abbocca e poi tirarlo su
magari una foto, salutarlo e ridarlo al fiume

Occhio che abbocca e poi tirarlo su
magari una foto e ridarlo al fiume
ieh ieh ieh ieeeeh

















Stacks Image 11180