Lo zio Noldo

Stacks Image 11027
Testo di Gianluca Gennari
Musica di Gianluca Gennari, Andrea Cremonesi, Davide Dabusti

Testo

Chèsta l'è la storia da sìo Nòldo, da chèla òlta che j là purtàt a cà.
L'éra pié tàme nà lögia, l'éra stàc töt al dé al bar.
L'éra famùs per le sò cióche ma chèl dé l'ustér j l'éra mìa catàt.
Fàto stà che quant l'è 'ntràcc an cà, la so màma la gh'à fàcc pisà
che apò se l'éra al sò cumpleàn e 'l gh'ja festegiàt i so prìmi quarantàgn,
l'éra bèl grànt e apò vacinàt, ma 'l cervèl j l'éra mai druàt.

La so stànsa l'éra cumè nà giòstra e quànt gh'è pasàt dinàncc al lècc con an tùffo lϋ 'l sé tràt,.lϋ 'l sé tràt.

Calcolando mal la distànsa del tùffo che 'l gh'jà fàc per pudì fa 'n sugnèl.
Al vurìa saltà 'n söl lècc per ritrovarsi un po' ma 'l gh'à ciapàt an pieno al spìgol dal cumò.
So màma la disìa che l'éra sfϋrtϋnàt perchè 'l vacìno al gh'éra mìa funsiunàt e,
Apò se 'l gh'ja cumpìt i quarantàgn al sarès restàt an tananài cumpàgn.

Da frèsa a l'uspedàl per fa sbasà 'l bignù che töta la sò fàcia al gh'ja sfigϋràt.
Gh'éra apò al prét prunt có l'Óle Sant, quàtre Angiulì per purtàl an ciél.
L'éra l'enésima da töte le sò cióche e l'infermér al s' éra mìa nincursìt.

La so stànsa l'éra cumè nà giòstra e quànt gh'è pasàt dinàncc al lècc con an tùffo lϋ 'l sé tràt.
La so stànsa l'éra cumè nà giòstra e quànt gh'è pasàt dinàncc al lècc con an tùffo lϋ 'l sé tràt, lϋ 'l sé tràt.

Traduzione

Questa è la storia di zio Noldo, di quella volta che lo hanno portato a casa.
Era pieno come una scrofa, era stato tutto il giorno al bar.
Era famoso per le sue ciocche ma quel giorno l'oste non lo aveva notato.
Fatto sta che quando è entrato in casa, sua madre gli ha fatto pesare
che anche se era il suo compleanno e aveva festeggiato i suoi primi quarant'anni,
era bel grande e anche vaccinato, ma il cervello non lo aveva mai usato.

La sua stanza era come una giostra e quando gli passato davanti il letto con un tuffo lui si è buttato, lui si è buttato.

Calcolando male la distanza del tuffo che aveva fatto per poter fare un sonnellino.
Voleva saltare sul letto per ritrovarsi un po' ma ha preso in pieno lo spigolo del comò.
Sua mamma diceva che era sfortunato perchè il vaccino non aveva funzionato e,
anche se aveva compiuto i quarant'anni sarebbe rimasto un poco di buono.

Di fretta all'ospedale per far abbassare la botta che tutta la sua faccia aveva sfigurato.
C'era anche il prete pronto con l'Olio santo, quattro Angioletti per portarlo in cielo.
Era l'ennesima di tutte le sue ciocche e l'infermiere non si era neanche accorto.

La sua stanza era come una giostra e quando gli passato davanti il letto con un tuffo lui si è buttato.
La sua stanza era come una giostra e quando gli passato davanti il letto con un tuffo lui si è buttato, lui si è buttato.
Stacks Image 11204