Nascundì

Stacks Image 11027
Testo e musica di Gianluca Gennari

Testo

Quànt sérem picinì giugàom sèmpre a nascundì, l'éra bél, l'éra bèl.
Sérem sèmpre sota notre mai chèi pϋsé grant, lur j cumandàa
Sa giugàa an fìna sera, fin a quànt balcàa 'l sul.
Sa sentìa apò le uss: - Turna a cà. -
Gh'éra sèmpre an quài dϋ che 'l circàa da tirà tàrde ma apò a lϋ 'l gh'ja da rincasà.

Cϋnta, cϋnta, cϋnta e dòpo cìrca, cìrca, cìrca l'è tana per lϋ.
Cϋnta, cϋnta, cϋnta e dòpo cìrca, cìrca, cìrca l'è tana per lϋ e per te, per te e per te.

Quànt vignìa fò Giupì* per notre picinì l'éra nà fϋrtϋna, gh'ìem pö da cϋntà:
Partìem tàme i ràsi, didré 'n gran pulverù per das töc a niscundù.
La prìma ròba da fa l'éra nà sbirciàda e capì perchè i pϋsé grant j saltàa pö fò.
Gh'éra riàt le bagajète e lur jéra ciapàc a 'ngrϋgnàle an quài cantù, èco perchè ignìa fò pö nϋsϋ.

Cϋnta, cϋnta, cϋnta e dòpo cìrca, cìrca, cìrca l'è tana per lϋ
Cϋnta, cϋnta, cϋnta e dòpo cìrca, cìrca, cìrca lè tana per lϋ e per te, per te e per te.

Spès e ulentéra notre picinì ciapàom sèmpre da jnterdècc
e 'nvéce i fiói d'ancó jè tacàcc pròpe töt al dé a internèt.......

Cϋnta, cϋnta, cϋnta e dòpo cìrca, cìrca, cìrca l'è tana per lϋ.
Cϋnta, cϋnta, cϋnta e dòpo cìrca, cìrca, cìrca lè tana per lϋ e per te, per te e per te.
Cϋnta, cϋnta, cϋnta e dòpo cìrca, cìrca, cìrca l'è tana per lϋ.
Cϋnta, cϋnta, cϋnta e dòpo cìrca, cìrca, cìrca lè tana per lϋ e per te, per te e per te.
Cϋnta, cϋnta, cϋnta e dòpo cìrca, cìrca, cìrca l'è tana per lϋ.
Cϋnta, cϋnta, cϋnta e dòpo cìrca, cìrca, cìrca lè tana per lϋ e per te, per te e per te.

Traduzione

Quando eravamo piccolini giocavamo sempre a nascondino, era bello, era bello.
Eravamo sempre sotto noi, mai quelli più grandi, loro comandavano.
Si giocava fino a sera, fino a quando calava il sole.
Si sentivano anche le voci : - Torna a casa! -
C'era sempre qualcuno che cercava di tirar tardi ma pure lui doveva rincasare.

Conta, conta, conta e dopo cerca, cerca, cerca è tana per lui.
Conta, conta, conta e dopo cerca, cerca, cerca è tana per lui e per te, per te e per te.

Quando usciva Giupì per noi piccolini era una fortuna, non dovevamo più contare.
Partivamo come razzi, dietro un polverone per scappare a nasconderci.
La prima cosa da fare era una sbirciata e capire perchè i più grandi non uscivano più.
Erano arrivate le ragazzine e loro erano presi a adescarle dolcemente in qualche angolo.
Ecco perchè non usciva più nessuno.

Conta, conta, conta e dopo cerca, cerca, cerca è tana per lui.
Conta, conta, conta e dopo cerca, cerca, cerca è tana per lui e per te, per te e per te.

Spesso e volentieri noi piccolini prendevamo sempre degli interdetti
Invece i ragazzi d'oggi sono tutto il giorno su internet.......

Conta, conta, conta e dopo cerca, cerca, cerca è tana per lui.
Conta, conta, conta e dopo cerca, cerca, cerca è tana per lui e per te, per te e per te.
Conta, conta, conta e dopo cerca, cerca, cerca è tana per lui.
Conta, conta, conta e dopo cerca, cerca, cerca è tana per lui e per te, per te e per te.Conta, conta, conta e dopo cerca, cerca, cerca è tana per lui.
Conta, conta, conta e dopo cerca, cerca, cerca è tana per lui e per te, per te e per te.
Stacks Image 11204