Nà a funs

Stacks Image 11027
Testo e musica di Gianluca Gennari

Testo

Nà a funs l’è nà pasiù che m’à trasmetìt mé pupà
L’è an cürt periodo da l’an che al vé più o meno sóta i mòrc e i sànc
Ta gh’ét da cürà i prim dé da acqua, stà aténte ai primi sul
E pò vìa an mès ai fòs sö da nà rìa zó da l’ótra I ram che j t’à sgarbèla la fàcia, i spì che j t’à rüìna le mà
Circa da ché, àrda da là, prima o pòi qualche capèla la s’à truarà

Vai, vai, vai, che bèla màcia da ciudì, gh’èm da fà prèst a catài senò j gh’à jà pòrta vià
Vai, vai, vai, che bèla màcia da ciudì, gh’èm da fà prèst a catài senò j gh’à jà pòrta vià

Nà an campàgna l’è pròpre bèl, lé sa nàsa tanti prüföm
Lé gh’è l’udùr da l’èrba bagnàda e da la tèra apéna aràda Mévóangìrcolmécestìeconanmàalmé bèl tòc da lègn
Però i fitàui có le atresadüre nóe j tàja pö le rìe con i fursì
E an nària i ram j t’à sgarbèla pö la facia, gh’è pö i spì che j t’à rüìna le mà
Circa da ché, rüga da là, a fadìga qualche capèla la s’à truarà

Vai, vai, vai, che bèla màcia da ciudì, gh’èm da fà prèst a catài senò j gh’à jà pòrta vià Vai, vai, vai, che bèla màcia da ciudì, gh’èm da fà prèst a catài senò j gh’à jà pòrta vià Vai, vai, vai, che bèla màcia da ciudì, gh’èm da fà prèst a catài senò j gh’à jà pòrta vià
Vai, vai, vai, che bèla màcia da ciudì, gh’èm da fà prèst a catài senò j gh’à jà pòrta vià

Traduzione

Andare a funghi è una passione che mi ha trasmesso mio padre
È un corto periodo dell’anno che viene più o meno sotto i morti e i santi
Devi curare i primi giorni di acqua, stare attento ai primi soli
E poi via in mezzo ai fossi, su da una riva giù dall’altra
I rami che ti graffiano la faccia, le spine che ti rovinano le mani
Cerca di qua, guarda di là, prima o poi qualche cappella la si troverà

Vai, vai, vai, che bella macchia di chiodini, dobbiamo fare presto a raccoglierli altrimenti ce li portano via
Vai, vai, vai, che bella macchia di chiodini, dobbiamo fare presto a raccoglierli altrimenti ce li portano via

Andare in campagna è proprio bello, lì si annusano tanti profumi
Lì c’è l’odore dell’erba bagnata e della terra appena arata
Io vado in giro col mio cestino e con in mano il mio bel pezzo di legno
Però gli agricoltori con le attrezzature nuove non tagliano più le rive con i falcetti
E in aria i rami non ti graffiano più la faccia, non ci sono più le spine che ti rovinano le mani
Cerca di qua, fruga di là, a fatica qualche cappella la si troverà

Vai, vai, vai, che bella macchia di chiodini, dobbiamo fare presto a raccoglierli altrimenti ce li portano via
Vai, vai, vai, che bella macchia di chiodini, dobbiamo fare presto a raccoglierli altrimenti ce li portano via
Vai, vai, vai, che bella macchia di chiodini, dobbiamo fare presto a raccoglierli altrimenti ce li portano via
Vai, vai, vai, che bella macchia di chiodini, dobbiamo fare presto a raccoglierli altrimenti ce li portano via
Stacks Image 11204