Al militàr

Stacks Image 11027
Testo e musica di Gianluca Gennari

Testo

Al pullman l’è bèa prunt, l’è là an mès al piasàl Nótre, töc da cursa per vès töti bèi perfèc
Sèm da frèsa, gh’èm amò da lücidà le scarpe
I noni che j gh’à cuntròla per vèt se gh’èm töt quànt al pòst
Noni mìa catìf e che i sa fà apò supurtà
Da la murùsa vore turnà, perché gh’ó bisög da sfugàs
Apò se só püsé fürtünat da argü d’ótre perché vó an gìr a cantà
Al pullman al màsna zó, fèm da la strada Gh’èm da rià ‘n tèmp a vü daj apuntamènc Rìem e saltem zó, sa prepàrem an furmasiù
La zènt l’è bèa töta prunta con j urège drece an pé
Al coro da la Tridentina al pól mìa stecà
Al diretùr al tìra fora ‘l fiscèt, al dà la nota e sa cumìncia a cantà
An bèl banchèt l’è bèa preparàt, nà bèla cióca e po’ töc a cà
L’è stàc an bèl an chèst ché, l’à mè nàcia da “cül”
Gh’ó fac al suldàt ma al füsìl l’ó druàt poc E po’ da chèsti post, mé rièse pö a stacàs Pènse ai fiói d’ancó che i fà pö ‘l suldàt
I và mìa vià da cà, i sa mìa se l’è ‘n suldàt
Con la murùsa ché só turnàt, da chèste muntàgne mé ma só ‘namuràt
E quànt pase ‘n dù gh’ó fàt al suldàt, lé gh’è pö nà caserma, gh’è nà tana da ràc
Pòta só desulàt, gh’è pròpe pö da suldàc
Lé gh’è töci erbasù che a vardàga diènte mat

Traduzione


Il pullman è già pronto, è là in mezzo al piazzale Noi, tutti di corsa per essere tutti bei perfetti Siamo di fretta, dobbiamo ancora lucidare le scarpe
I nonni che ci controllano per vedere se abbiamo tutto quanto a posto
Nonni non cattivi e che si fanno anche sopportare
Dalla morosa voglio tornare, perché ho bisogno di sfogarmi
Anche se sono più fortunato di qualcun altro Perché vado in giro a cantare
Il pullman “macina giù”, facciamo della strada Dobbiamo arrivare in tempo ad uno degli appuntamenti
Arriviamo e saltiamo giù, ci prepariamo in formazione
La gente è già tutta pronta con le orecchie dritte in piedi
Il coro della Tridentina non può steccare
Il direttore tira fuori il fischietto, dà la nota e si comincia a cantare
Un bel banchetto è già preparato, una bella ciocca e poi tutti a casa
È stato un bel anno questo, mi è andata di”culo” Ho fatto il soldato ma il fucile l’ho usato poco E poi da questi posti, io non riesco più a staccarmi
Penso ai ragazzi d’oggi che non fanno più il soldato
Non vanno via di casa, non sanno cos’è un soldato
Con la morosa qui sono tornato, di queste montagne io mi sono innamorato
E quando passo dove ho fatto il soldato, lì non c’è più una caserma, c’è una tana di topi
pòta* sono desolato non ci sono proprio più di soldati
lì ci sono tutti erbazzoni che a guardarli divento matto

*Pòta: daltronde
Stacks Image 11204