Done dal dé d'anco

Stacks Image 11027
Testo e musica di Gianluca Gennari

Testo

Done dal dé d’ancó sìf pròpe töte bèle. Sarà per i vistìc o per la pitüra an sö i dic, che druìf na ólta e pò i tuchìf pròpe pö. Vótre sè che sìf bune a nà tanta ‘n gir
Jéra mèi le nostre mame con le sò prèdighe e i sò minestrù e quànt le gh’à parlàa dal matrimòne gh’arèsem duìt tucàs i marù
Sìf bune a trücàs bé, sìf bune a cumandà
Ma ‘l pignatì da la pulénta sìf gnà da che part menàl
Vótre sè che sa spusìf e amò prima da fà al pas Metìf bé la ròbe an ciàr, certo i cèsi j spèta a l’òm
Jéra mèi le nostre mame con le sò prèdighe e i sò minestrù e quànt le gh’à parlàa dal matrimòne gh’arèsem duìt tucàs i marù
Se mai vótre netarìf i védre gh’ìf sèmpre da lès tròpi lebre.
Urìf vès istèse a j òm, stès diréc tame òm.
Jéra done da na ólta, quàtre stràs, òm e fiói.
E se per caso và na é adré vü a ótre, alùra Adìo, gh’è da scapà
Jéra mèi le nostre mame con le sò prèdighe e i sò minestrù e quànt le gh’à parlàa dal matrimòne gh’arèsem duìt tucàs i marù
Èco i sòlc per la benzina scòrdes mìa le ciàf da l’àuto.
Ótre pròpe töte ‘ntrüchènte, alùra sé che sìf cuntènte
E la scuèta elétrica, chèla la fa tròp rumùr jéra mèi le nòstre mame con le so prèdighe e i sò minestrù
Jéra mèi le nostre mame con le sò prèdighe e i sò minestrù e quànt le gh’à parlàa dal matrimòne gh’arèsem duìt tucàs i marù

Traduzione

Donne del giorno d’oggi, siete proprio tutte belle. Sarà per i vestiti o per lo smalto sulle unghie, che usate una volta e dopo non li toccate proprio più. Voi sì che siete brave ad andare tanto in giro
Erano meglio le nostre mamme con le loro prediche e i loro minestroni e quando ci parlavano del matrimonio avremmo dovuto toccarci i marù*
Siete brave a truccarvi bene, siete capaci di comandare ma il pentolino della polenta non sapete neanche da che parte menarlo. Voi sì che vi sposate e ancora prima di fare il passo mettete bene le cose in chiaro, certo i bagni spettano al marito (da pulire)
Erano meglio le nostre mamme con le loro prediche e i loro minestroni e quando ci parlavano del matrimonio avremmo dovuto toccarci i marù*
Se mai voi pulirete i vetri, dovete sempre leggere troppi libri. Volete essere uguali agli uomini, stessi diritti come uomini.
Erano donne di una volta, quattro stracci, marito e figli. E se per caso ve ne arriva uno, allora addio, c’è da scappare
Erano meglio le nostre mamme con le loro prediche e i loro minestroni e quando ci parlavano del matrimonio avremmo dovuto toccarci i marù*
Ecco i soldi della benzina, non scordarti le chiavi dell’auto.Voi proprio tutte truccate, allora sì che siete contente
E la scopa elettrica, quella fa troppo rumore Erano meglio le nostre mamme con le loro prediche e i loro minestroni
Erano meglio le nostre mamme con le loro prediche e i loro minestroni e quando ci parlavano del matrimonio avremmo dovuto toccarci i marù*

*marù: metafora grottesca per testicoli
Stacks Image 11204