Ga 'n vól... per ciapà có

Stacks Image 11027
Testo di Gianni Baroni
Musica di Gianluca Gennari

Testo

Quant sìe gióen e lauràe i terè
Apò se sìe strach cum'è 'n sumàr
perchè ghìe restelàt du tracc da fé
quant a la sera andàe a cà 'n söl car
lϋs'gnàe dentre le finèstre dai prim pià:
speràe da ètt an quai bagaiulète
che dopo na giurnada (dϋra) da laurà
le sa laà 'l mϋs e apò le tète.

Fermàe 'l caàl e lur le fàa 'n ghignètt
ga fàe 'n quai segn per diga che a la séra
traèrs a sése e fòs per fas mìa ètt
pudìem truàs da dré a la fasinéra.
E le mame le disìa che sìe 'n balòss
che rϋinàe töte (quante) le so fióle
e le m'arès vuntéra (ulentéra) rumpìt j'òss
perchè (me) ga le ramgiàe ( ga le ramgiàe) sensa tóle.

Ma mé da tóle ghìe nisϋna òia
perchè ghìe na gran pura da sbaglià
e 'nbàtes da spusà na qualche ròia
che i mé pecàcc la m'arès facc pϋrgà.
Só mìa se gó fai bé o se gó sbagliàt.
Ma só cuntènt da ès restàt an mϋl;
sése e fòss da tant témp (me) gó pö saltàt
(( gó pura da ciapà 'n quai spì 'n dal cϋl
o da s'cimbà 'n da l'acqua töt bagnàt!))

A ès sincér... la erità l'è 'n ótra:
Al témp al pàsa
e gh'è 'l res'cio... da fà 'na fugϋràsa!

Traduzione

Quando ero giovane e lavoravo i terreni
anche se ero stanco come un somaro
perchè avevo rastrellato due tracce di fieno
quando alla sera andavo a casa sul carro
spiavo dentro le finestre dei primi piani:
speravo di vedere qualche ragazzetta
che dopo una giornata (dura) di lavoro
si lavavano il muso e anche le tette.

Fermavo il cavallo e loro facevano un mezzo sorriso
le facevo qualche segno per dirle che alla sera
attraverso siepi e fossi per non farsi vedere
potevamo trovarci dietro alla fasinéra.
E le mamme dicevano che ero un poco di buono
che rovinavo tutte (quante) le loro figlie
e mi avrebbero volentieri (volentieri) rotto le ossa
perchè (io) gliele arrangiavo (gliele arrangiavo) senza sposarle.

Ma io di sposarle non ne avevo nessuna voglia
perchè avevo una gran paura di sbagliare
e imbattermi di sposare qualche roia
che i miei peccati mi avrebbe fatto purgare
non so se ho fatto bene o se ho sbagliato
ma sono contento di essere restato un mulo.

Siepi e fossi da tanto tempo (io) non ho più saltato
((ho paura di prendere qualche spino nel sedere
o di cadere nell'acqua tutto bagnato!))

A essere sincero... la verità è un'altra:
Il tempo passa
e c'è il rischio... di fare una figuraccia!
Stacks Image 11204