Bèla tàme i fiór

Stacks Image 11045
Testo e musica di Gianluca Gennari

Testo

Chèsta òlta óre cüntà nà storia a 'n pó dièrsa
Óre parlà da nà bagàja pròpe fóra dal nurmàl
Òlta giösta e caèi mìa nìgre gnàa biùncc lùnc e bèi
J ugiù ciàr, du ciapète an fóra al punto giöst.

E quànt che lé la pasàa da piàsa a j òm setàcc da fora dal bar
Gh'à sa sberlàa j òcc e 'n quài dü al saltàa apò zó da la scrègna.
E se a lé gh'à saltàa an mènt da leà 'n pé 'n sö la bici per nà pedalàda fòrta.
Saltàa 'n pé j fiói con j sò mistér………….

E l'éra bèla, bèla, bèla pròpe bèla tàme j fiór,
Tanto bèla che l'è restàda la 'n dà per lé.

E l'éra bèla, bèla, bèla pròpe bèla béla Signór
Tanto bèla che l'è restàda là co j sò fiór.

Mà gh'è amò al frér có la mà fasàda Tòne ‘l s’éra mìa ’n incursìt
Che al pòst dal fèr an sö l'incöden lü ‘l gh'éra metìt al sò dìt.
Pasàa lé pasàa 'lpruföm d j fiór, al türchés che ‘l gh'à ignìa fóra da j òcc
J àvre ros cumè j póm an vèrs la fine d'agóst.

E l'éra bèla, bèla, bèla pròpe bèla tàme j fiór,
Tanto bèla che l'è restàda là 'n dà per lé.

E l'éra bèla, bèla, bèla pròpe bèla béla Signór
Tanto bèla che l'è restàda là 'nsèma j fiór.

L'éra ‘l desiderio da töcc e apò se l'éra an pó püsé ècia da mé
Mé, sugnàe che 'n dé sarèse stàc so murùs.

E l'éra bèla, bèla, bèla pròpe bèla tàme j fiór,
Tanto bèla che l'è restàda là 'n dà per lé.

E l'éra bèla, bèla, bèla pròpe bèla béla Signór
Tanto bèla che l'è restàda là 'nsèma j fiór.

Traduzione

Questa volta voglio raccontare una storia un po' diversa
voglio parlare di una ragazza proprio fuori dal normale
alta giusta e i capelli non neri, nemmeno biondi, lunghi e belli
gli occhioni chiari, due chiappette (un sederino) in fuori al punto giusto.

E quando lei passava per la piazza, agli uomini seduti fuori dai bar, gli si spalancavano gli occhi e qualcuno cadeva pure dalla sedia e se a lei le saltava in mente di alzarsi sulla bici per una pedalata più decisa, saltavano in piedi i ragazzi e non solo……………

Ed era bella, bella, bella proprio bella come i fiori; tanto bella che è rimasta la da sola
Ed era bella, bella, bella, proprio bella, bella Signore; tanto bella che è rimasta la con i suoi fiori

Ma c’è ancora il fabbro con la mano fasciata; Antonio, non si era accorto che al posto del ferro, sopra l’incudine, lui, aveva messo il suo dito.
Passava lei, passava il profumo dei fiori; il turchese che le usciva dagli occhi, le labbra rosse come le mele verso la fine di agosto.

Ed era bella, bella, bella proprio bella come i fiori; tanto bella che è rimasta la da sola
Ed era bella, bella, bella, proprio bella, bella Signore; tanto bella che è rimasta la insieme ai fiori.

Era il desiderio di tutti e anche se era un po più vecchia di me, io sognavo che un giorno sarei stato suo moroso (fidanzato).

Ed era bella, bella, bella proprio bella come i fiori; tanto bella che è rimasta la da sola
Ed era bella, bella, bella, proprio bella, bella Signore; tanto bella che è rimasta la insieme fiori.
Stacks Image 11198