Töt antùrne

Stacks Image 11027
Testo e musica di Gianluca Gennari

Testo

Picà sö chèi tasti, spenà sö chèste còrde.
Sfiurà pià la pèl da nà dóna, sfiuràga apò i sò caèi.
Scultà pià la ùs da la màma, scultà apò i sò cunsìgli.
Gh'ó nà futugrafìa an pó sbiadìda che la m'è rimàsta 'n mènt.
Chèla da nà stòria ècia ampó malàda nasìda an sé per caso e che la mè pasàda gràsie a chèsto ché.
E ve zó n'acquasù; vàrde fóra dal védre che l'è mès ampanàt.
La bàla da iér sera la mà rintrunàt.
Forse ancó la éta sè la cambiarà.

Sunà sùra 'n palco, cantà dinàncc a tanta zènt.
Svegliàs nal lècc ala matìna, slungà 'l bràs, rancà 'n mà an galù da lé.
Onora 'l padre e la madre l'è nà ròba ormai nàcia zó da moda.
Chèla futugrafìa an pó sbiadìda gh'aló pö stampàda 'n mènt, chèla l'è nà storia ècia ormai pasàda nàcia 'nsé per caso e che la mè pasàda grasie a chèsto ché.
E gh'è bèa fóra 'l sul, vàrde fóra dal védre che l'è pö 'npanàt.
La bàla da iér sera la mà rintrunàt.
Forse ancó la éta sé la cambiarà.

Traduzione

Picchiare su quei tasti, spennare su queste corde.
Sfiorare piano la pelle di una donna, sfiorarle anche i suoi capelli.
Ascoltare piano la voce della mamma, ascoltare anche i suoi consigli.
Ho una fotografia un po' sbiadita che mi è rimasta in mente.
Quella di una storia vecchia un po' malata nata così per caso e che mi è passata grazie a tutto questo.
E sciende un'acquazzone; guardo fuori dal vetro che è mezzo appannato.
La balla di ieri sera mi ha rintronato.
Forse oggi la vita cambierà.

Suonare sopra un palco, cantare davanti a tanta gente.
Svegliarsi nel letto alla mattina, allungare il braccio, tenere in mano una sua coscia.
Onora il padre e la madre è una cosa ormai andata giù di moda.
Quella fotografia un po' sbiadita non ce l'ho più stampata in mente, quella è una storia vecchia ormai passata, nata così per caso e che mi è passata grazie a tutto questo.
E c'è già fuori il sole, guardo fuori dal vetro che non è più appannato.
La balla di ieri sera mi ha rintronato.
Forse oggi la vita cambierà.
Stacks Image 11204